Con performances e brindisi ha aperto ufficialmente al pubblico, lo scorso 7 gennaio,  l’Accademia Europea di Danza, nata con il supporto dell’Associazione World Dance Alliance Europe. A presiederla il maestro Joseph Fontano, con il vicepresidente Luca Di Paolo ed i direttori associati Amedeo Iagulli e Veronica Grasso. Un team di indiscutibile valore per la nuova progettualità internazionale della danza a Roma. Com’era prevedibile il mondo della danza si è stretto numeroso attorno all’equipe capitanata da Joseph Fontano per augurargli un grande in bocca al lupo. Del resto il maestro e direttore newyorkese.

IMG_4845

Dotata di tre ampie sale, la nuova Accademia Europea di Danza propone un’atmosfera ed un respiro inequivocabilmente internazionale con un design essenziale, ma elegante. Uno spazio dove poter fare eventi, performance, concerti. L’AED, l’acronimo scelto per comodità e maggiore fidelizzazione, mira a diventare un polo culturale rivolgendosi ad un pubblico vario ed eterogeneo, come nelle corde di una lunga e credibile carriera dell’ideatore. Un giorno che si avvera –  ha detto più volte Joseph Fontano – soprattutto perché è la giusta continuazione di un progetto ben più antico.

IMG_4898Del resto l’offerta didattica, artistica e culturale è varia. Sono infatti previsti corsi di danza classica, danza contemporanea, modern & lyrical jazz, hip hop, danza indiana; un Triennio per danzatori & coreografi, recitazione, musica, scenografia, contact improvvisazione, Laban, propedeutica, danza amatoriale per adulti, zumba, pilates, salsa. Un’offerta didattica complessa per andare incontro alle esigenze del crescente mondo di giovani alla ricerca della migliore formazione possibile.

E non mancano i corsi di Alta Formazione organizzati nell’ambito del progetto “La potenza della danza” che nasce con lo scopo di promuovere la danza sotto ogni sua forma di espressione: stage, eventi, corsi di Formazione, seminari, workshop, concorsi e summer school estivi nella località decentrata di Porto Torres. L’obiettivo dichiarato a più riprese è quello di innalzare la qualità dell’insegnamento della danza nelle scuole private e di combattere l’improvvisazione di maestri di danza non qualificati e non preparati al fine di migliorare la qualità della danza anche attraverso la formazione privata e gli aggiornamenti per insegnanti di danza.

Senza titolo1Senza tito-1

Chi meglio del docente italo-americano di danza contemporanea dell’Accademia Nazionale di Danza avrebbe mai potuto impegnarsi a Roma per creare nuovissime condizioni di sviluppo e crescita coreutica? Un impegno evidentemente sostenuto anche dagli artisti che hanno sempre riconosciuto in Joseph Fontano un carisma ed una credibilità di uomo, coreografo e docente. Una miscellanea di attitudini che i vari Francesca La Cava, la Mandala Dance Company di Paolo Sorressa, lo Studio Arte e Cultura Orientale, la Formazione Danza Terni di Rosanna Filipponi e la “DanzateStelle” di Pamela Rea hanno arricchito con la loro presenza il giorno della festa, ovvero la prima domenica di questo beneaugurante 2018 all’insegna della danza in Europa. Un progetto che lo stesso Joseph Fontano ha definito una nuova realtà.

Massimiliano Craus